Guarire dall’influenza

Quanto tempo ci vuole per guarire dall'influenza?

 

L'influenza stagionale colpisce tutti gli anni una gran parte della popolazione. Si stima che solo in Italia i contagiati ogni anno siano sempre in crescita. Pensate che dal 26 dicembre 2016 al 1 gennaio 2017, il contagio è stato pari a 10,12 casi x mille assistiti, mentre l'anno scorso nello stesso lasso di tempo i contagiati raggiungevano scarsi 2 casi x mille assistiti.

A far aumentare i contagi sono stati i numerosi bambini contagiati sotto i cinque anni che hanno fatto registrare 27,6 casi x mille assistiti.

Inoltre sembra che le influenze attuali siano più contagiose, virulente e debilitanti, con possibili complicanze tra gli individui più esposti (anziani, bambini e immunodepressi). Siamo noi che ci siamo indeboliti, il virus è diventato più "cattivo"?

Forse la verità sta nel mezzo, ovvero che fattori come lo stress, indeboliscono il nostro sistema immunitario, e in parte il virus nella sua millenaria lotta per l'esistenza è diventato più aggressivo.  Aggiungiamo pure che i media spesso fanno da cassa di risonanza, dando enfasi particolare alla diffusione della malattia.

Diciamo innanzitutto che non tutti i ceppi virali sono uguali, e insieme alla influenza stagionale impropriamente si parla di influenza intestinale riferendosi però alla gastroenterite che è una malattia completamente diversa.

Se vuoi sapere invece quanto tempo ci vuole per guarire dall'influenza intestinale (Gastroenterite) clicca qui.

Qui invece stiamo parlando dell'influenza stagionale classica, quella che colpisce solitamente durante l'inverno, ovvero quando le nostre difese immunitarie sono un po meno agguerrite, i cui sintomi sono  febbre, dolori alle articolazioni, infezioni alle vie respiratorie e mal di testa.

Se vuoi essere aggiornato in modo più esaustivo sulle epidemie influenzali, passate ed attuali (dal 2003 ad oggi), puoi consultare il sito INFLUENET del Servizio Sanitario Nazionale, che offre numerose statistiche e consigli.

Quanto tempo ci vuole per guarire dall'influenza?

Qui forniamo un dato medio, ovvero di una persona in salute, che non ha particolari malattie riferendoci ad una fascia di età media che va tra i 19 e i 50 anni.  In effetti la durata dell'influenza dipende molto dalla risposta immunitaria da parte dell'organismo, quindi è determinata dallo stato di salute del soggetto. In linea di massima da quando si avvertono i primi dolori articolari, fino alla scomparsa dei sintomi ci vogliono mediamente dai 5 ai 7 giorni, fino ad arrivare a 10 giorni per tornare definitivamente in forze.

Cosa fare per non per non ammalarsi

Principalmente il virus entra nel nostro corpo attraverso la bocca e le vie respiratorie. Se è vero che non siamo abituati a girare con la mascherina per evitare il contagio attraverso l'aria, è altrettanto vero che una igiene accurata, soprattutto delle mani, è un valido strumento di prevenzione.

Lavarsi spesso le mani o almeno prima di mangiare, non mettere le mani in bocca o nel naso se non sono pulite, sono il consiglio principale e di buon senso da seguire.

Nonostante la polemica nata intorno alla vaccinazione, figlia più che altro della scarsa fiducia nei confronti delle società farmaceutiche e nei rappresentanti politici, (che nel nostro paese sembrano avere più a cuore gli interessi economici che la salute dei cittadini), il  consiglio migliore per evitare il contagio è di fare il vaccino !   Il vaccino però va fatto in tempo, ovvero molto prima della esplosione epidemica, perché il nostro corpo ha bisogno di tempo per elaborare le risposta immunitaria.

Il fattore tempo come vedete gioca sempre un ruolo fondamentale anche nella prevenzione.

 

 

Lascia un commento