Zanzare quanto vivono?

Zanzare quanto vivono?

Le zanzare sono le compagne delle nostre serate estive.

Sia in casa che all’esterno dobbiamo fare i conti con questi insetti fastidiosi, ed in alcuni casi anche pericolosi.

Muniti di ciabatta in piedi sul letto nel cuore della notte, o con le moderne racchette elettriche, perdiamo ore di sonno a caccia di questi piccoli insetti.

Il ciclo vitale delle zanzare è breve ma molto intenso.

Esistono diverse specie: la zanzara comune (culex pipiens) vivono alcune settimane, fino ad arrivare addirittura a 3 mesi, se si trovano in un ambiente favorevole.

Zanzara tigre

La zanzara tigre (Aedes albopictus) Può arrivare a vivere fino ad un anno.

Zanazara tigre, scopri le provincie più infestate

Rispetto ad altri insetti hanno un ciclo vitale molto breve, e non amano il freddo, ma neanche il caldo eccessivo. Il loro ambiente favorevole è un luogo umido con temperatura che non superi i 38°.

A pungere sono esclusivamente le zanzare femmina, che prediligono la pelle di chi ha alte concentrazioni di anidride carbonica e colesterolo.

Pungono esclusivamente per fini riproduttivi ed il fastidioso prurito è dovuto ad una sostanza che inniettano nella pelle.

Le femmine hanno bisogno delle sostanze contenute nel sangue umano per sviluppare gli organi riproduttori.

Tornando a noi, quanto vive una zanzara, se non viene schiacciata prima dalla ciabatta?

RISPOSTA:

Da una settimana ad un anno intero.

Consigli utili anti zanzare

Nella maggior parte dei casi se una zanzara vi punge è probabile che l’abbiate allevata voi, o i vicini di casa.

Per riprodursi le zanzare hanno bisogno di acqua ristagnante, e spesso trovano l’ambiente ideale nei nostri balconi. Evitate i sottovasi, perchè sono il luogo prediletto per la riproduzione.

Per evitare le fastidiose punture è utile evitare colori scuri perchè riuscirete a vederle più facilmente e a scacciarle.

Ci sono alcune sostanze che rendono l’odore della nostra pelle sgradevole alle zanzare. Bere ad esempio Chinotto e Ginger, in generale sostanze amare, ci rendono meno appetitosi. D’estate cosa c’è di meglio di un bel bicchiere di chinotto, specialmente se ci aiuta ad evitare le punture di insetto.

Ci sono in commercio diversi spray che coprono l’odore della nostra pelle evitando le punture di zanzara. E’ consigliabile usare prodotti il più possibili naturali, specialmente nei bambini.

Infine inseriamo una immagine di una trappola casareccia da mettere in balcone o in casa. L’idea è quella di attrarre le zanzare con l’anidride carbonica sprigionata nella bottiglia che la intrappolerà uccidendola.

Le zanzare vengono attirate dall’anidride emessa dalla trappola, e rimangono bloccate nell’acqua che appesantendole, non le permette di spiccare il volo.

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 10 =